La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, ha ribadito che in tema di sanzioni amministrative derivanti da infrazione del codice della strada, qualora sia impossibile procedere alla contestazione immediata, il verbale deve essere notificato al trasgressore entro il termine fissato dall'art. Ho collaborato con diversi giornali locali cartacei e online. strada; che la violazione era stata registrata dal sistema di rilevamento automatico in data 25 maggio 2014, e il verbale di accertamento è stato notificato in data 1 dicembre 2014; che il Tribunale ha condiviso il rilievo del Giudice di pace, che aveva accolto l'eccezione di tardività della notifica del verbale di accertamento; che per la cassazione della sentenza ha proposto ricorso il Comune di Milano, sulla base di un motivo anche illustrato da memoria; che resiste con controricorso E. L.; che il relatore ha formulato proposta di decisione, ai sensi dell'art. Tale termine è perentorio, infatti, se il verbale è notificato oltre i 90 giorni, l’obbligazione di pagare si estingue e di La dilatazione dei tempi burocratici era da ricondurre all’enorme quantità di violazioni commesse, e rilevate con l’autovelox. VERBALE NULLO SE NON VIENE NOTIFICATO ENTRO 90 GIORNI Capita di trovare sovente nella cassetta della posta la classica cartolina verde relativa ad un verbale e subito se ne intuisce il convenuto. ORDINANZA sul ricorso 5702-2016 proposto da: COMUNE DI MILANO, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, ……., presso lo studio dell'avvocato …….., che lo rappresenta e difende unitamente agli avvocati ……..; - ricorrente, - contro L.E., elettivamente domiciliato in ROMA, …… 82, presso lo studio dell'avvocato ……., rappresentato e difeso dall'avvocato ……..; - controricorrente –. proc. Ingiustificata è quella difficoltà imputabile invece all'attività dell'ente locale, ad esempio per via di problemi tecnici interni allo smaltimento delle pratiche. Termine notifica multa: ultime sentenze Una recente sentenza del giudice di[1] 201, e cioè che non sia individuabile il luogo dove la notifica deve essere eseguita per mancanza dei relativi dati nel Pubblico registro automobilistico o nell'Archivio nazionale dei veicoli o negli atti dello stato civile (per tutte, Cass. Il 24 gennaio 2018 la polizia locale mi ha notificato un verbale per divieto di sosta avvenuto il 7 ottobre 2017, ricevuto il verbale, non rendendomi conto dei 90 giorni trascorsi per la notifica, ho pagato il verbale. E’ qui che viene in rilievo il testo costituzionale e dunque l´art. Come contestare una multa dopo 90 giorni dalla notifica? La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio, liquidate in complessivi euro 700,00, di cui euro 200 per esborsi, oltre spese generali e accessori di legge. In quali casi la multa può essere notificata oltre i 90 giorni Come abbiamo visto in generale se il verbale viene notificato oltre il termine di 90 giorni dalla data della violazione questo è annullabile ed è possibile presentare ricorso. Il 90 giorno si considera nel calcolo. 13, comma 1-quater, del d.P.R. Allo stesso modo, si considerano anche tutti i giorni festivi che ricadono all’interno del primo e dell’ultimo giorno. Stando alla Cassazione, invece, i 90 giorni partono dalla violazione: passando 90 giorni fra l’1 gennaio 2018 e la data in cui si riceve la multa a casa. Multa dopo 90 giorni: è valida? Per la Corte di Cassazione invece il termine dei 90 giorni può essere derogato solo in presenza di un presupposto: ovvero nell’ipotesi in cui (per colpa del trasgressore) sia difficile individuare il proprietario dell'auto per mancanza dei relativi dati nel PRA o negli atti dello stato civile. Vi chiedo adesso, posso Postato in Sanzioni Amministrative. Per legge, infatti, qualora la violazione non possa essere immediatamente contestata il verbale, con gli estremi precisi e […] 201, primo comma, del d.lgs. 97 della Costituzione, una migliore efficienza degli uffici amministrativi che oggi è più facile ottenere con l'ausilio dei mezzi offerti dalla più avanzata tecnologia, certamente in grado di soddisfare le esigenze dell'amministrazione, senza creare ulteriori difficoltà ai soggetti destinatari della contestazione»; che successivamente, con la sentenza n. 198 del 1996, la Corte costituzionale, muovendo nel solco dei principi enunciati dal precedente dictum, ha dichiarato l'illegittimità, per violazione dell'art. Sez. Il Paradiso delle signore, trame 18/2: Marta fa una proposta lavorativa a Beatrice, Can Yaman, Diletta Leotta rompe il silenzio con la prima dedica social: 'C'era una volta', Una vita, anticipazioni spagnole: Ursula chiede l'indulgenza prima di morire. Ma è davvero così? A tale quesito ha risposto con una recente sentenza, la n.140 del 2018 , il Giudice di Pace di Alessandria fornendo chiarimenti importanti. Per la Cassazione la multa va pagata comunque anche se il verbale non arriva entro 90 giorni. Notifica multa, 90 giorni e ricorso E a proposito di notifiche multe, quando inizia il conteggio? ), e la giurisprudenza di questa Corte è pervenuta all'interpretazione dell'art. Le multe notificate dopo 90 giorni sono illegittime e non sono ammesse scuse per giustificare l’eventuale ritardo del Comune. Nulla la multa notificata dopo 90 giorni dall’infrazione Avv. 201 cod. Ricevendo la notifica dopo 90 giorni dall’infrazione la nostra multa sarà legittima o no? Elisa Picaroni. 24 Cost., dell'art. IL TERMINE DI 90 GIORNI PER LA NOTIFICA DELLA MULTA Per affrontare questo tema partiamo dalla norma del codice della strada che disciplina il termine per la notifica della multa… Per questo motivo è scattata una condanna alle spese pari a 700 euro per il comune di Milano. n. 7066/2018 13. strada (novanta giorni), a nulla rilevando la difficoltà connessa all'attività dell'Amministrazione, chiamata a gestire un numero elevato di violazioni registrate ( nel caso di specie autovelox). Un ulteriore prolungamento del termine non potrebbe, perciò, non porre dubbi di costituzionalità in termini di ragionevolezza»; che, nella stessa pronuncia, si rilevava che «ad eventuali difficoltà di ordine organizzativo, cui finora si è ritenuto di far fronte con il prolungamento dei termini, ben potrebbe ovviarsi con misure tali da assicurare un più equo contemperamento fra le contrapposte esigenze, realizzando cioè, in armonia con l'art. La questione è tornata di attualità dopo che la Corte di Cassazione ha dato ragione a un avvocato che ha ricevuto la multa 180 giorni dopo l’infrazione. Oppure la pronuncia in In tutti questi casi, il termine di 90 giorni per la notifica della multa non decorre dal giorno della violazione ma dalla data dell’effettivo accertamento. Cassazione: 90 giorni per la notifica, altrimenti le multe sono da annullare 26 marzo 2018 - La Suprema Corte conferma il termine dei 90 giorni per notificare le infrazioni. Ritenuto che il Tribunale di Milano, con sentenza depositata il 10 novembre 2015, ha rigettato l'appello proposto dal Comune di Milano avverso la sentenza del Giudice di pace di Milano n. 1612 del 2015, e nei confronti di E. L., e per l'effetto ha confermato l'annullamento del verbale di accertamento della violazione dell'art. L’omessa notifica è il primo motivo di ricorso evocato dagli automobilisti otto volte su dieci. n. 115 del 2002, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del comma 1-bis dello stesso art. “NULLA LA MULTA NOTIFICATA 90 GIORNI DOPO L’INFRAZIONE” il: domenica 7 Ottobre 2018 02:29 In: Dall'Italia , In evidenza , Marsala , Mazara , Trapani A molti di noi sarà capitato di ricevere una multa magari notificata oltre i termini previsti dalla legge e di domandarsi se sia possibile evitarne il pagamento . Per la Corte di Cassazione, i famosi 90 giorni partono dalla violazione. Giornalista pubblicista per Blasting dal 2016. Il codice della strada all’art. 201 cod. 36 della legge n. 120 del 2010, applicabile ratione temporis alla fattispecie in esame), salvo che ricorra l'ipotesi prevista dall'ultima parte del citato art. 380-bis cod. I 90 Inoltre, afferma la nostra aderenza a, Blasting SA, IDI CHE-247.845.224, Via Carlo Frasca, 3 - 6900 Lugano (Svizzera), Noi e i nostri partner: richiediamo il tuo consenso per archiviare e/o accedere a informazioni su un dispositivo; adottiamo tecnologie come i cookie ed elaboriamo dati personali come indirizzi IP ed identificatori di cookie per personalizzare gli annunci ed i contenuti in base ai tuoi interessi, misurare le loro prestazioni e ricavare informazioni relative agli utenti che li hanno visualizzati; abbiamo un interesse legittimo per i seguenti scopi: garantire sicurezza, prevenire frodi e debug; utilizziamo funzionalità come matching e combinazione di fonti di dati offline, collegamento tra diversi dispositivi, ricezione e utilizzo di caratteristiche del dispositivo inviate automaticamente per la sua identificazione, utilizzo di dati di geolocalizzazione, scansione attiva delle caratteristiche del dispositivo per la sua identificazione. 142, comma 8, cod. 09/12/2010, n. 24851); che la ratio che sorregge l'ipotesi residuale, e giustifica la decorrenza del termine dal momento in cui l'Amministrazione sia posta in condizione di identificare il trasgressore o il suo luogo di residenza, è invocabile soltanto in presenza di situazioni di difficoltà di accertamento addebitabili al trasgressore (tardiva trascrizione trasferimento della proprietà del veicolo; omissione di comunicazione del mutamento di residenza), ma non quando, come nella specie, la difficoltà è connessa all'attività dell'Amministrazione, chiamata a gestire un numero elevato di violazioni registrate dai rilevatori di velocità, posto che l'effettività dell'azione dell'Amministrazione non può mai realizzarsi attraverso la compressione del diritto di difesa del trasgressore; che la questione attiene al bilanciamento tra le esigenze dell'Amministrazione e il diritto di difesa del trasgressore, ed è stata oggetto a più riprese di interventi della Corte costituzionale; che già con la sentenza n. 255 del 1994 il Giudice delle leggi osservò che il termine di notificazione, all'epoca di centocinquanta giorni, doveva ritenersi «contenuto in limiti tollerabili nel bilanciamento delle contrapposte esigenze, anche se ciò non può significare in futuro una illimitata libertà del legislatore. strada, e contesta che, nel caso di rilevamento automatico dell'infrazione, l'accertamento dell'illecito avviene necessariamente in un momento successivo e richiede un'attività istruttoria complessa - a mezzo dell'esame dei fotogrammi e l'incrocio dei dati - finalizzata a riscontrare il nesso tra il veicolo di cui è stato registrato il transito e la proprietà dello stesso; che, pertanto, il momento dal quale decorre il termine per la notifica del verbale non può che coincidere con quello dell'effettivo accertamento dell'infrazione, che nel caso in esame avvenuto entro il termine di novanta giorni; che, in ogni caso, doveva ritenersi congruo il termine intercorso tra il rilevamento automatico dell'infrazione e la notifica del verbale di accertamento, in quanto proporzionato alla quantità di violazioni commesse nei luoghi nei quali il Comune ha predisposto il sistema di rilevamento automatico della velocità dei veicoli in transito; che la doglianza è manifestamente infondata; che il Tribunale ha escluso la congruità del periodo di cinque mesi che l'Amministrazione comunale ha impiegato per verificare la sussistenza degli elementi oggettivi e soggettivi della violazione e notificare il verbale al trasgressore; che l'affermazione, argomentata sul rilievo della relativa semplicità del riscontro dei dati (dalla targa dell'autovettura memorizzata dall'apparecchiatura di rilevamento automatico, all'identificazione del titolare), e dall'assenza di allegazioni circa la particolare difficoltà dell'accertamento, risulta immune da vizi; che, in tema di sanzioni amministrative derivanti da infrazione del codice della strada, questa Corte regolatrice ha già chiarito che, qualora sia impossibile procedere alla contestazione immediata, il verbale deve essere notificato al trasgressore entro il termine fissato dall'art. La Cassazione pone un freno alla prassi di alcuni Comuni di notificare le multe ben oltre il termine di 90 giorni come sancito dall’art. Scritto da claps carlo on 27 Marzo 2018. 201 del codice della strada, a nulla rilevando la difficoltà connessa all'attività dell’ente locale, chiamata a gestire un numero elevato di violazioni registrate. Sarà capitato a tutti di ricevere l’amara sorpresa di vedersi notificare una multa da parte del Comune per violazione del Codice della Strada e di non sapere se sussisteva comunque l’obbligo di provvedere al pagamento o meno. Va infatti salvaguardato sempre il diritto di difesa del trasgressore, che viceversa laddove fossero accolte le istanze del comune di Milano risulterebbe invece compresso. Occasionalmente ho svolto l'attività di addetto stampa per Enti e privati. Un altro caso in cui il verbale può essere notificato oltre i 90 giorni è quando avviene il trasferimento di residenza del proprietario del veicolo, cui è indirizzata la notifica della multa. Corte di Cassazione n. 7066/2018 – sanzioni amministrative - rilevamento automatico infrazione – notifica verbale deve essere effettuata entro 90 giorni – 21.03.2018 - Scritto da claps carlo on 27 Marzo 2018. Una pronuncia della Cassazione del 2018 lascerebbe pensare che, se non contestate anche nel merito, resterebbero valide le multe conosciute per la prima volta con la cartella esattoriale. Sul punto si è avuta una nuova e recente pronuncia del Giudice di Pace di Ivrea, con sentenza di novembre 2020, sulla scia della pronuncia della Corte di Cassazione nell’ ord. Il caso da cui trae spunto la recente ordinanza numero 7066/2018 ha avuto come protagonista/ricorrente il comune milanese che per giustificare appunto il fatto che aveva notificato il verbale dopo 180 giorni invece che dopo 90 giorni dall’accertamento, aveva fatto riferimento ad "una attività istruttoria complessa”. Leggi di più sullo stesso argomento da Mattia Vera: Questo articolo è stato curato e verificato da, Questa sezione offre informazioni trasparenti su Blasting News, sui nostri processi editoriali e su come ci impegniamo a creare news di qualità. 25/03/2011, n. 6971; Cass. Secondo la Cassazione, le multe per infrazioni rilevate con autovelox devono essere notificate entro 90 giorni. strada (novanta giorni, a seguito della modifica apportata con l'art. U. Più nel dettaglio i giudici di legittimità hanno precisato che in tema di notifica di multe di accertamento per eccesso di velocità il verbale deve essere notificato al trasgressore entro il termine di 90 giorni fissato dall'art. Quando la multa può essere validamente notificata oltre il termine di 90 giorni Esistono alcuni casi in cui la notifica della multa può avvenire in un termine più lungo di quello ordinario, in particolare questo principio non si Nella maggior parte dei casi si tratterà di una multa che l’agente non avrà potuto accertare immediatamente e che, quindi, dopo un’indagine sul proprietario del veicolo ci ha notificato a casa. Gli "ermellini" dunque in virtù dei principi sopra richiamati, hanno rigetto il ricorso del Comune di Milano e dichiarato la nullità del relativo verbale di accertamento. Sconfitta, quindi, per il Comune di Milano Tempi di notifica della multa per infrazione rilevata con autovelox: il Comune di Milano perde, gli automobilisti vincono. 201 cod. Se il verbale viene notificato oltre il termine di 90 giorni dall’accertamento della violazione del codice della strada e non c’è stata contestazione immediata, lo steso deve essere annullato! ricorso contravvenzione oltre 90 giorni Hai infranto il codice della strada e ti è arrivata una multa salata a casa.Come devi fare per contestare una contravvenzione notificata oltre i 90 giorni dall’infrazione? Per ottenere maggiori dettagli, puoi consultare la nostra, Multe: il termine di notifica è perentorio e prescinde dall'attività istruttoria. 2' di lettura Il quesito. Michela Murgia accusa Salvini sui migranti: 'Migliaia di morti sulla coscienza', Nuove assunzioni Just Eat per rider, coordinatori e manager anche senza esperienza, Concorso Ars Sicilia per 23 assistenti parlamentari con la terza media: scade il 1° marzo, Assunzioni Amazon per magazzinieri senza esperienza e varie figure che lavoreranno da casa, Ristori di Draghi e adesione alla flat tax 15% fino al 16 febbraio: aiuti alle partite Iva, Mina Settembre, anticipazioni 14 febbraio: Gelsomina farà i conti con il doloroso passato, Il Paradiso delle Signore, anticipazioni al 19/02: Pietro e Beatrice lasciano casa Conti, Il Paradiso delle signore, trame al 19 febbraio: Silvia chiede aiuto ad Adelaide, Etichette alimentari: da oggi obbligo d'indicare lo stabilimento di produzione, Reddito di cittadinanza a 5 milioni di italiani e addio Jobs Act: la ricetta M5S, Vaccini anti-Covid, Bassetti mostra i dati di Israele: 'Vedremo presto risultati simili', Crimi (M5s) auspica che il nuovo governo riparta dalla maggioranza del Conte-bis, Blasting News lavora con l’Unione Europea nella lotta contro le fake news, ‘Trust Project - News with Integrity’, Discuti di ciò che ami con una comunità di utenti che condividono la tua stessa passione per, Trova risposta alle domande più frequenti su. Ne è conseguita la riforma del 2010 con cui si è ridotto il termine perentorio di notifica da 150 a 90 giorni, alla luce anche dell’ammodernamento dei sistemi volti alla individuazione del trasgressore. La notifica di un verbale per violazione al Codice della strada va fatta con attenzione alle date: se avviene quando l’infrazione è già “prescritta”, può comportare varie responsabilità, di cui l’organo di polizia dovrà rispondere. Lo chiarisce il giudice di Pace di Firenze in una recente sentenza, come si legge su ‘laleggepertutti.it’. Così deciso, in Roma, nella camera di consiglio della VI-2 Sezione civile, il 12 settembre 2017. 97 e 24 Cost. Così come già avevano stabilito il ministero dei Trasporti e la Prefettura. avverso la sentenza n. 12578/2015 del TRIBUNALE di MILANO, depositata il 10/11/2015; udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 12/09/2017 dal Consigliere Dott. Ordinanza numero 7066 del 21 marzo 2018 della Corte di Cassazione: la notifica del verbale dopo i 90 giorni determina la nullità della multa. Una multa notificata dopo oltre 90 giorni? Le motivazioni sottese a tale autorevole decisione trovano peraltro conferma in una copiosa giurisprudenza recente di matrice costituzionale che sottolinea come l’ulteriore prolungamento del termine dei 90 giorni pone inevitabilmente dubbi di costituzionalità in termini di ragionevolezza. Postato in E’ nulla, anche nel caso di contravvenzioni derivanti dall’autovelox per eccesso di velocità. Come chiarito ormai costantemente dalla Cassazione, non possono decorrere più di 90 giorni tra quando è stata commessa la violazione del Codice della strada e quando l’autorità che ha elevato il verbale ha consegnato, all’ufficio postale, la raccomandata con la multa. Mi è stata inviata, con posta raccomandata A/R, una multa comminata da un Comune il 6 agosto 2018. 97. La Cassazione con sentenza 26843 del 2018 ha stabilito che basta la cartella esattoriale per rendere la multa valida anche se il verbale non arriva entro i 90 giorni. strada già i richiamata, a cui va dato seguito; che il ricorso è rigettato e il ricorrente è condannato alle spese, nella misura liquidata in dispositivo; che sussistono i presupposti per il raddoppio del contributo unificato. Ai sensi dell'art. # multe Ad ognuno di noi almeno una volta nella vita è capitato di ricevere una multa che risulta essere chiaramente contestabile, sia nel contenuto che nella forma in cui essa ci viene notificata. La Corte di Cassazione si è pronunciata con una recente decisione sul tema delle sanzioni amministrative derivanti da infrazione del codice della strada, ribadendo degli importanti principi di diritto che enunciamo qui di seguito. n. 285 del 1992 (Nuovo codice della strada), «nella parte in cui, nell'ipotesi di identificazione dell'effettivo trasgressore o degli altri responsabili avvenuta successivamente alla commissione della violazione, fa decorrere il termine di centocinquanta giorni per la notifica della contestazione dalla data dell'avvenuta identificazione, anziché dalla data in cui risultino dai pubblici registri l'intestazione o le altre qualifiche dei soggetti responsabili o comunque dalla data in cui la pubblica amministrazione è posta in grado di provvedere alla loro identificazione»; che, sulla scorta dei principi richiamati, tenuto conto della evoluzione dei sistemi di rilevamento dei dati utilizzabili ai fini della identificazione del trasgressore e del luogo utile per la notifica, il legislatore del 2010 ha ridotto il termine da centocinquanta a novanta giorni, così attuando un ragionevole bilanciamento tra opposte esigenze di rango costituzionale (artt. 201 prevede che la notificazione del verbale debba avvenire entro 90 giorni dall’infrazione. civ., di manifesta infondatezza del ricorso; che con l'unico motivo il Comune di Milano denuncia violazione e falsa applicazione dell'art. 201 C.d.S. Questi non potrebbe non tener conto dei profili prospettati nell'ordinanza di rinvio, che avverte le difficoltà cui va certamente incontro il destinatario della contestazione, ai fini della predisposizione della propria difesa, quanto più remota è la data in cui si è svolto il fatto rispetto alla contestazione stessa. 201 cod.