Da 20 anni, operiamo per essere i catalizzatori del cambiamento sociale, per risvegliare e alimentare una nuova coscienza ecologica, per ispirare e diffondere nuovi modelli di business e nuovi modelli di consumo per le persone e le aziende. Lo scorso 19 Dicembre, la V Commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento alla manovra finanziaria che introduce un articolo aggiuntivo (articolo 10-bis) al Decreto legislativo 6 aprile … 10-bis. Bisognerà tenere conto anche della reale convenienza della prescrizione di un farmaco umano a un animale, specialmente per quanto riguarda i dosaggi. Per noi, la sostenibilità ambientale e umana rappresenta un autentico stile di vita, definisce il nostro modo di stare al mondo e nel mondo, un atteggiamento incentrato sulla civiltà della consapevolezza e sulla concretezza del fare. L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) ringrazia la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati per … Bastano pochi click per registrarsi al Foto Contest di Amici di Casa e caricare le vostre foto a tema, tutti gli animali sono ammessi…, MyProlife APP, il nuovo strumento per una vita a sei zampe, Milano Pet Week: Hill’s ci invita a bordo di Hill’s Pet Tram, Brexit e animali domestici: cosa cambia dal 1° gennaio, Il 4 ottobre: la Giornata mondiale degli animali. Bisognerà attendere i prossimi passaggi che porteranno all’approvazione della modifica al decreto esistente. Se questo emendamento venisse approvato, invece, il veterinario potrebbe prescrivere un farmaco ad uso umano anche qualora il suo prezzo fosse più basso di quello ad uso veterinario. Fino a oggi, ai veterinari non è stato permesso di prescrivere agli animali farmaci bioequivalenti a uso umano, in presenza di un apposito medicinale veterinario sul mercato. I veterinari potranno prescrivere farmaci ad uso umano anche per curare gli animali, permettendo alle famiglie di risparmiare notevolmente nella cura di cani, gatti e non solo.Il Ministro della Salute, Roberto … Cambiano quindi i casi di uso in deroga; secondo la legge vigente il veterinario può trattare l’animale solo con farmaci specie-specifici e, in caso di non disponibilità, con farmaci autorizzati in Italia per l’uso su un’altra specie animale. Il Ministro della salute, sentita l’AIFA, con proprio decreto da emanare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, fermo restando il principio dell’uso prioritario dei medicinali veterinari per il trattamento delle affezioni delle specie animali e nel rispetto delle disposizioni dell’ordinamento dell’Unione europea in materia di medicinali veterinari, tenuto conto, altresì, della natura delle affezioni e del costo delle relative cure, definisce i casi in cui il veterinario può prescrivere per la cura dell’animale, non destinato alla produzione di alimenti, un medicinale per uso umano, a condizione che lo stesso abbia il medesimo principio attivo rispetto al medicinale veterinario previsto per il trattamento dell’affezione. Un progetto importante realizzato con la collaborazione del Wwf. Lo documenta un video girato dagli animalisti. Ci sono due tipi di farmaci ad uso umano che possono essere utili per curare gli animali da compagnia: gli antidepressivi e i medicinali anti cancro.. Alcuni antidepressivi possono essere efficaci per alleviare alcuni disturbi emotivi o comportamentali, come per esempio l’aggressività o l’ansia da separazione.. D’altra parte, ci sono alcuni farmaci … Con la Brexit le normative sui viaggi nel Regno Unito sono cambiate. Al decreto legislativo 6 aprile 2006, n. 193, dopo l’articolo 10 è inserito il seguente comma: “Art. – (Uso in deroga di medicinali per uso umano per animali non destinati alla produzione di alimenti) – 1. In Australia è operativo il primo ospedale mobile dedicato alla cura degli animali selvatici. Una vittoria attesa da tempo nel campo dei diritti animali e che diventa un aiuto importante per tutti coloro che scelgono di condividere la propria vita con un gatto, un cane o un altro amico a quattro zampe. Se l’esito sarà positivo, la modifica al decreto potrà essere approvata quindi per la primavera prossima. L’iter prevede che il Ministero della Salute, sentita l’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco), emetta un decreto entro 90 giorni dall’entrata in vigore della legge di Bilancio. Si precisa che sarà il ministero della Salute, sentita l’Aifa, a definire i casi in cui il veterinario potrà prescrivere farmaci per uso umano. Il risparmio maggiore lo avranno certamente i Comuni, per i propri quattrozampe in canile: se consideriamo che il farmaco veterinario con lo stesso principio attivo costa in media quattro volte di più rispetto a quello umano, su una spesa annua, ad esempio, di 15.000 euro relativa a farmaci … Il principio attivo infatti è calibrato in base al peso e in alcuni casi non è possibile, o è molto complesso, somministrare la giusta dose, mentre il farmaco veterinario è già calibrato per l’animale. Il veterinario può prescrivere per la cura degli animali domestici un medicinale per uso umano, fermo restando il principio dell’uso prioritario di farmaci veterinari per il trattamento delle affezioni specifiche … Ma cosa cambierà realmente? Visitarne uno permette di sviluppare più empatia nei confronti degli animali considerati “da reddito”. Con la campagna “Apri il cancello” Gaia animali & ambiente dà voce ai cani dei rifugi con toccanti video sulle loro storie di abbandono. Ogni “fai da te” diventa pertanto non solo sconsigliato, ma decisamente inutile. (ANSA) - ROMA, 21 DIC - Arrivano le regole per la prescrizione di farmaci per uso umano per le cure degli animali. Da aprile i medici veterinari potranno prescrivere farmaci per uso umano. Cosa cambia con la Brexit per chi desidera entrare o uscire dal Regno Unito con il proprio animale domestico? “i medicinali per uso umano prescritti dal medico veterinario per la somministrazione ad animali da compagnia secondo le condizioni previste dall’art. Ecco cosa fare per viaggiare in tranquillità col proprio amico a quattro zampe. Il prezzo di un farmaco veterinario può essere anche di cinque volte maggiore rispetto a un farmaco a uso umano: l’iva dei farmaci veterinari è oggi al 10%, quella sulle prestazioni veterinarie e alimenti per animali al 22%. Una novità importante, comunque, ma non ancora approvata in via definitiva. Gli animali domestici potranno essere curati, su prescrizione veterinaria, anche con farmaci equivalenti a uso umano più economici ma di uguale efficacia.. L’Organizzazione Internazionale Protezione Animali (Oipa) ringrazia la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati per … I farmaci ad uso umano sono tarati su individui ideali con un peso standard di circa 60kg, motivo per cui in qualsiasi bugiardino ci sono sempre i dosaggi a parte per i bambini. E appare davvero iniquo continuare a penalizzare chi adotta un animale o ne ha cura nelle strutture di ricovero o nelle colonie feline. Farmaci umani per uso veterinario, facciamo chiarezza sul decreto. L’utilizzo dei farmaci ad uso umano è consentito solo in mancanza di un farmaco veterinario. Nelle specialità medicinali per uso umano c’è quasi sempre scritto di tenere lontano dai bambini, ma non ci sono riferimenti agli animali da compagnia. I farmaci equivalenti per gli umani potranno essere usati, su prescrizione veterinaria, anche per i nostri animali domestici. Per tanti, la sostenibilità sta diventando una necessità impellente, per altri è soprattutto un obbligo. I disegni di legge in oggetto intendono ovviare a questa situazione facilitando l'utilizzo di farmaci ad uso umano per la cura degli animali da compagnia (cosiddetto “uso in deroga”). A dicembre dello scorso anno la parlamentare Patrizia Prestipino ha proposto un emendamento al decreto legislativo 193/2006 in cui si enunciano i casi di uso in deroga di medicinali per uso umano per i nostri pet. A dicembre dello scorso anno la parlamentare Patrizia Prestipino ha proposto un emendamento al decreto legislativo 193/2006 in cui si enunciano i casi di uso in deroga di medicinali per uso umano per i nostri pet. Infatti, sono in commercio farmaci umani e veterinari che contengono lo stesso principio attivo (pensiamo alla maggior parte degli antibiotici e ad alcuni antiepilettici) il cui costo è molto differente. “Il randagismo è combattuto ogni giorno anche da chi adotta un animale dai canili e dai gattili e dai gestori dei rifugi. Nei farmaci ad uso veterinario è sempre indicata la dose in mg per kg di peso vivo, nei farmaci ad uso umano non la si trova sempre, per … Che cosa sono? Arrivano le regole per la prescrizione di farmaci per uso umano per le cure degli animali. Dopo l’articolo 10 è inserito il seguente comma: Art. Raccontare la storia di un salvataggio è un’ottima notizia. I prezzi esorbitanti di alcuni farmaci veterinari potranno essere controbilanciati dalla possibilità di curare il proprio quattrozampe con un farmaco a uso umano. Cosa cambierà per gli animali e le loro famiglie? – (Uso in deroga di medicinali per uso umano per animali non destinati alla produzione di alimenti) – 1. Le pubblicità ingannevoli del settore agro-alimentare italiano sono sempre più diffuse. Abbonati alle più amate riviste pet d’Italia. MyProlife App! Salute animale, ok a farmaci ad uso umano per curare cani e gatti È stata approvata dalla Commissione Bilancio alla Camera la norma contenuta nell’emendamento alla legge di bilancio presentato dalla … 22 Dicembre 2020 22 Dicembre 2020 Milano Post Leave a Comment on Si all’uso di farmaci equivalenti a uso umano per curare gli animali domestici. Il Consiglio di stato ha respinto l’appello animalista contro le ordinanze di cattura e captivazione dell’orso M49, anche noto come Papillon. Sono 10mila le Caretta caretta morte in un anno in Italia, 40mila esemplari nel Mediterraneo. Gli animali domestici potranno essere curati, su prescrizione veterinaria, anche con farmaci equivalenti a uso umano più economici ma di uguale efficacia. Ve lo spieghiamo noi. La Giornata mondiale degli animali, il 4 ottobre, è un appuntamento fisso per migliaia di amanti degli animali in tutto il mondo. La separazione oggi in vigore tra farmaci ad uso umano e ad uso veterinario, anche per medicinali molto simili tra loro, comporta infatti esborsi molto maggiori per i secondi. Curare gli animali con farmaci equivalenti per uso umano, un traguardo raggiunto, I farmaci umani, a prezzi minori, possono essere usati nella cura degli animali © Mario Tama/Getty Images, Rimani aggiornato sulle notizie dal mondo della sostenibilità, decreto legislativo 6 aprile 2006, n. 193. Il bioequivalente veterinario, il Synulox, costa ben 23,70 € per la confezione da 10 compresse da 500 mg. Un altro caso molto simile è quello del Soliphen, un diffuso antiepilettico a uso veterinario, che ha un costo di circa 12 euro per 60 compresse da 60 mg. Il suo principio attivo, il fenobarbital, è contenuto nel Luminale e nel Gardenale, che hanno prezzi alla confezione sotto i 2 euro. Una nuova campagna vuole fermarle. Lo scopriamo con l’aiuto degli specialisti di Polivet. I medicinali veterinari hanno un alto costo e i proprietari di animali domestici potranno optare per farmaci equivalenti a uso umano che sono decisamente meno costosi. Una vittoria per coloro che amano e vivono con gli animali domestici: i farmaci equivalenti umani possono essere usati anche per le cure di cani e gatti. È arrivato lo Shop Online di Amici di Casa. Gli animali domestici potranno essere curati, su prescrizione veterinaria, anche con farmaci equivalenti a uso umano più economici ma di uguale efficacia. Spesso diventa un accessorio da sfoggiare, a volte un lasciapassare, altre un mero attestato sociale. Ma non dimentichiamo, però, che sarà sempre e solo necessario il veterinario curante che potrà prescrivere la medicina da usare.

Denuncia Di Danno Erariale Alla Corte Dei Conti, La Forza Delle Immagini Nella Trasmissione Di Un Messaggio, Riassunto Canto 13 Paradiso, Hunger Games Edizioni, 50 Centesimi 1999 Valore, Fiction Rai Uno Ieri Sera, Postgres Copy To Stdout, The Last Kingdom Dove Vederlo,